Murex’s Weblog

week-end a Monticiano

Posted on: ottobre 6, 2007

Lo scorso week-end, dopo aver fatto un esame, Nico ed io ci siamo concessi un week-end rigenerante nella splendida provincia di Siena..esattamente a Monticiano.
La scelta del luogo non è stata proprio casuale, in quanto questo paesino si trova in una buona posizione rispetto alle Terme di Petriolo e rispetto all’abbazia di San Galgano…un luogo che personalmente adoro.

Siamo dunque partiti sabato mattina (tarda mattina) e siamo tornati domenica sera. Abbiamo prenotato per una notte all’albergo ‘Da Vestro‘, un due stelle davvero carino…per la modica spesa di 68euro a camera (compresa una ricca prima colazione).

Arrivati a Monticiano abbiamo lasciato le nostre cose in camera, ci siamo messi il costume e siamo corsi alle terme. Le terme di Petriolo conservano, accanto allo stabilimento a pagamento che tra l’altro era chiuso), delle vasche naturali molto belle, dove quindi si riversa la maggior parte della gente.

gente alle terme

Le Terme di Petriolo sono molto antiche, pare che fossero conosciute già al tempo dei Romani. L’ acqua scaturisce alla temperatura di 43°C dalla sorgente situata sulla riva del torrente Farma con la portata media di circa 40 litri/sec.
Il forte odore di zolfo che emanano le acque è dovuto alla presenza di idrogeno solforato in quantità notevoli (grado sulfidrometrico 21 mg/l). Alla presenza di questo gas si devono i maggiori effetti terapeutici a livello del sistema respiratorio.
In base alle loro caratteristiche chimiche e alla loro temperatura, queste acque sono stata definita come ricca di sali, solfidrica, ipertermale e nella classificazione generale delle acque termali rientra nella categoria delle acque soifidriche, salso-solfato-bicarbonato-alcalino terrose-ipertermali.

Il bagno nelle vasche è stato molto piacevole..ma credo che lo sarebbe stato anche di più se fosse stato più freddo, perchè l’acqua è veramente molto calda!

La sera dopo cena siamo andati all’abbazia di San Galgano, armati di macchina fotografica e cavalletto, sperando di trovarla aperta e illuminata..e le nostre speranze sono andate ben oltre le aspettative: chiesa ben illuminata, silenzio assoluto (qualche civetta a parte) e pochissime persone che quasi subito sene sono andate..lasciandoci nella pace più totale.
E’ stato come in un sogno…quei sogni in cui ti trovi a camminare da sola, la notte, in un luogo incantato..non so nemmeno spiegare bene la sensazione da quanto si è manifestata in modo forte…e magico.

abbazia

(foto col semi fish-eye prestatomi da Luca)

La grande Abbazia di San Galgano fu realizzata tra il 1220 ed 1268 nel periodo in cui in Italia si fondevano lo stile Romanico con il nascente stile Gotico di importazione francese.
Dopo aver conosciuto periodi di grande splendore per varie vicissitudini politco-religiose l’abbazia conobbe il suo periodo di declino intorno al 1600.
Il 6 gennaio 1786 il campanile, alto 36 metri, crollò travolgendo buona parte del tetto.

Nel 1789 la grande chiesa fu del tutto abbandonata divenendo così un’enorme cava di pietre e colonne per i paesi della zona. Per fortuna dall’inizio di questo secolo molti lavori di ripristino e mantenimento sono stati intrapresi, tanto che oggi le rovine, ormai senza più tracce del tetto, di San Galgano sono il luogo nel quale si riesce a cogliere al meglio l’armonia fra cielo, pietra e terra.

Con la magia nel cuore siamo andati a dormire (lo so, sembra retorica..ma è così).
La domenica mattina siamo tornati alle terme per fare un po’ di foto, di nuovo a San Galgano per fare foto di giorno e visitare il vicino Erermo di Montesiepi, dove si conserva La spada nella roccia, infissa nel 1180 da San Galgano (Guidotti) sull’Eremo.

Molto particolare è anche la cupola dell’Eremo, la cui presenza non si intuisce dall’esterno. E’ costituita da file di pietre bianche che si alternano con le file di mattoni rossi.

Dopo aver mangiato, abbiamo fatto un giro al mulino delle Pile (qualcuno di voi se lo ricorderà come testimonial 😀 della réclame del Mulino Bianco) che ora è diventato un lussuoso agriturismo e una passeggiata nel caratteristico paesino di Chiusdino e verso le 5 siamo venuti via 🙂

cerchi

Annunci

1 Response to "week-end a Monticiano"

wow un bel reportage!!!!!
Ciao Liuk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: